contatti

L’associazione si sta mobilitando per l’imminente migrazione….

Published by:

Ieri sabato 8 febbraio i volontari hanno inizio i lavori di posa delle barriere.

Indispensabili per poter salvare i rospi, rane e gli altri anfibi che tra qualche giorno inizieranno la loro migrazione verso il lago per depore le uova. Questi animali sono dispensabile all’eco-sistema, soprattutto perché mangiano un sacco di insetti dannosi all’uomo come le zanzare.

Ricordiamo che questi animali stanno andando in via di estinzione e solo tramite questi progetti di salvataggio si posso salvare.

Mercoledì scorso si è svolta la riunione di coordinamento volontari, a visto la partecipazione di un buon numero di persone soprattutto dai paesi confinanti al nostro, poche persone locali sono disponibili ad aiutarci, servono ancora volontari se anche te vuoi fare la tua parte scrivici una mail a: associazione@gruppoontano.org

img_20200208_095310 img-20200208-wa0023 img-20200208-wa0024 img-20200208-wa0025 img-20200208-wa0053

 

contatti

Sabato 18 gennaio 2020: Secondo lotto della tangenziale di Como.

Published by:

18-01-2020

 

Bocciata la Tangenziale Como «Meglio potenziare la ferrovia» Capiago Intimiano. L’incontro organizzato da Fridays For Future sul secondo lotto della strada Il geologo Del Pero: «Scavare nel Monte Orfano creerebbe rischi di dissesto idrogeologico» 

 

Il secondo lotto della tangenziale di Como? No, grazie. È questo il riadattamento del classico slogan con cui, sabato sera, si è apertala serata organizzata del Fridays For Future Como gli studenti che ogni venerdì, sull’esempio di Greta Thunberg, scendono in piazza contro il clima in collaborazione con alcune associazioni ambientaliste e con il patrocinio del Comune di Capiago Intimiano. Per opporsi a un’autostrada, che, per qualcuno dei relatori, potenzialmente rappresenta un pericolo per il paesaggio e peri centri urbani: il tracciato, affermano, prima o poi rischia di diventare realtà. Questo, anche se al momento non c’è un progetto definitiva Proposta alternativa: potenziare la ferrovia Como-Lecco. Allarme cementificazione Platea attenta, alla nuova sede del Gabbiano di via Montecastello, con cittadini arrivati anche da altri Comuni del circondario. Gianni Del Pero, geologo dell’Università Milano Bicocca e presidente di WWF Insubria, ha affrontato il tema dell’entità dell’impatto ambientale.«Proprio per la posizione in cui siamo attorno al lago di Montorfano, scavare nel Monte Orfano piuttosto che effettuare dei lavori creerebbe rischio di dissesti idrogeologico ha affermato Inoltre, ci sarebbe una cementificazione indotta di capannoni attorno alle strade. A Grandate il paesaggio è stato stravolto per un’opera poco appetibile per gli utenti. A Lomazzo, dove c’era il bosco, adesso c’è uno svincolo. Il decreto salvaclima, tra le varie norme, dice che dal l° gennaio 2020, nelle aree interessate da criticità idraulica, cioè le nostre aree, non sono consentiti incrementi delle attuale quote di impermeabilizzazione del suolo. Una norma direi perentoria: nei nostri Comuni non possiamo proprio più fare interventi». «Investimenti sui binari» A proporre un’alternativa, Roberto Fumagalli, presidente del Circolo Arnbiente Ilaria Alpi.«La ferrovia Como-Lecco ha detto C’è da 130 armi, e da 130 anni non si fanno investimenti seri. Ed è interessante anche dal punto di vista turistico. Chiediamo da tempo più treni. Per una linea che avrebbe grandissime potenzialità, se avesse in tutte le fasce orarie almeno un treno all’ora. Elettrificazione? Se ne parla dal 1960. Abbiarno proposto il Regio Express, con cadenzamento orario cercando di incrociare anche l’altra linea esistente, la Milano -Asso: fermate a Erba,Merone, Cantù e Como San Giovanni». Da Erba a Como in mezz’ora. Per Gabriella Bossi, ambientalista, componente del Coordinamento contro la cementificazione del territorio, la tangenziale non è una chimera. «Non hanno rinnovato i vincofi: ci sono i terreni svincolati. I pratoni verrebbero spazzati via. Tutte le tre ipotesi passano tutte per Capiago Intimiano. La minaccia è sempre più pressante. Non hanno ancora un progetto definitivo, ma non è stralciato: è rifinanziato in un altro progetto. Diventiamo come Lomazzo», la sua previsione. In chiusura, Mattia Soliani, Il Gambero. «Dire no a un’opera di questo genere non è un dire no a priori: è dire un no a qualcosa che possa devastare un territorio». In tanti sabato sera all’assemblea nella sede del Gabbiano a Capiago Intimiano Il progetto Appello delle associazioni «Spreco di soldi pubblici» Inconciliabili, le due visioni. Da una parte, la necessità, si è detto, da parte delle imprese, di poter contare su una nuova mobilità per gli spostamenti. Dall’altra, quella di chi ha come obiettivo principale il mantenimento del verde sul territorio. A Como, aveva partecipato al Tavolo per la Competitività il Governatore di Regione Lombardia Attilio Fontana, Lega. Si era detto che il progetto alternativo promosso dalla Provincia, al vaglio della Regione, sarebbe dovuto passare da una fase di condivisione con il territorio. Con questo progetto, l’opera costerebbe circa 670 milioni di euro, un centinaio in meno rispetto a quello originario. Resta il tema del reperimento dei fondi e dell’eventuale intervento dello Stato. Nei giorni seguenti, si era alzata la voce di diverse associazioni ambientaliste: «Si metta la parola stop ad un progetto inutile, costoso e devastante. Il secondo lotto della tangenziale di Como non deve essere realizzato, né in superficie, né in tunnel: uno spreco di soldi pubblici», l’appello di Comitato parco regionale Groane-Brughiera, Le Contrade di Inverigo, Wwf Insubria, L’Ontano di Montorfano, Circolo Ambiente “Ilaria Alpi” di Alzate, Il Gambero di Capiago Intimiano, Sinistra e Ambiente di Meda, La Puska di Lentate sul Seveso, Circolo Legambiente di Cantù Green Station: «Serve il rilancio della mobilità ferroviaria a partire dalla Como-Lecco». 
b294in_pages-to-jpg-0001
Clicca sula foto per ingrandire articolo

 

contatti

Giovedì 16 gennaio 2020 – CONVERSAS

Published by:

Ecco qui un breve e divertente video che rende l’idea….Buona visione!!! 

 

Cristian Civati presidente associazione L’Ontano insieme a Davide Comotti hanno partecipato a una Conversas a Trezzo Sull’Adda portando la loro esperienza sul problema dell’abbandono dei rifiuti nei luoghi naturali.

Cristian ha portato la sua esperienza dell’avventura con “Il Pesce Volante” e dell’impegno costante dell’associazione nel mantenere pulito la riserva naturale del lago di Montorfano.

Invece, Davide Comotti ha parlato e fatto conoscere il Plogging questo sport sconosciuto ma molto utile….informativi di cosa si tratta.

Durante la serata è emerso che ci sono diverse associazioni, e persone comuni che si impegnano a ripulire i luoghi naturali dove vivono e amano.

“La bellezza salverà il mondo”

img_20200116_231948

img_20200116_220205img_20200116_213133

img_20200116_210059
 
Vi ricordiamo anche di vedere il nostro video su YuoTube per sensibilizzare le persone a non abbandonare i rifiuti in Riserva, per vedere il video cliccate al seguente link: https://www.youtube.com/watch?v=ZC9xYWNcCw8&t=3s

 

contatti

Mostra: “AMBIENTE da salvare”

Published by:

Vi invitiamo alla Mostra “AMBIENTE da salvare” che verrà allestita dal 1 al 3 novembre presso l’Oratorio di Fabbrica Durini, in occasione della tradizionale Castagnata.

La mostra ha per oggetto 3 territori che, secondo le associazioni ambientaliste della zona, meritano di essere salvaguardati:
- l’area naturalistica dello “Zoc del Peric”, la cui parte di mostra è curata dal Circolo Ambiente “Ilaria Alpi”;
- la riserva naturale del Lago di Montorfano, il cui allestimento è realizzato dall’associazione L’Ontano;
- l’oasi ornitologica “Il Nibbio”, con mostra curata dall’omonima Fondazione.
 
La mostra sarà visitabile presso il salone dell’Oratorio di Fabbrica Durini nelle giornate di venerdì 1, sabato 2, e domenica 3 novembre con i seguenti orari: dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 18. L’ingresso è libero.
 
Vi aspettiamo!
mostra_2019_ok_r
contatti

Domenica 6 ottobre 2019

Published by:

Grande appuntamento storico per la Brughiera e quindi per il Parco Regionale delle Groane e della Brughiera:

 

  • Escursione a piedi da MEDA a MONTORFANO: 32^ edizione della Meda-Montorfano e 2^ edizione nel Parco Regionale delle Groane e della Brughiera
  • La mattina alla partenza, ma anche durante l’escursione o a Montorfano, chi lo desidera, potrà avere con piccola offerta, la nuovissima mappa del sentiero Meda – Montorfano 2019 in scala 1:15.000 che abbiamo realizzato e fatto stampare il mese scorso. La nuova mappa contiene tante informazioni suoi luoghi che si attraversano e sopratutto ha il QRCODE  con cui è scaricabile il sentiero con Google geo-referenziato utilizzando uno smartphone qualunque che abbia l’applicazione.

PARTECIPATE NUMEROSI…. 

 img-20190929-wa0000img-20190929-wa0001

clicca sulle foto per ingrandire le locandine con il programma e tutte le info

 COMITATO PARCO REGIONALE GROANE – BRUGHIERA

contatti

Sabato 1 giugno e domenica 2 giugno: “Amphibia del Lario” 2019

Published by:

volantino-agg-04-05-19

Clicca sulla foto per ingrandire volantino

 

Sabato 1 giugno

 Ore 15.30      concerto di arpa con il gruppo Tinere Harpa

img-20190504-wa0002

Clicca sulla foto per ingrandire volantino

Ore  18.30/19.30   Lezione divulgativa sul tema dei PipistrelliDott. Vincenzo Ferri naturalista ed esperto del mondo dei chirotteri[3]

 Ore 20.30      “Bat-Night” escursione nella Riserva per osservare habitat dei pipistrelli – Dott. Vincenzo Ferri [3]

Prenotazioni obbligatorie (vedi sotto)

Portare: torcia, scarpe adeguate per camminare nei boschi, impermeabile per pioggia. 

________________________________________________________________________________________________

Domenica 2 giugno

Ore 15.30/18.30  Lions Club Capiago Intimiano: dal progetto di Pet Therapy attivo presso Fondazione RSA Garibaldi Pogliani (Capiago Intimiano) ai pannelli anti-inquinamento: principi, applicazioni indoor e salute umana. Presentazione di maeriale divulgativo e possibilità di approfondimento con membri del Club.

Ore 16.00 Lezione divulgativa sul tema “la storia geologica della Riserva Naturale del Lago di Montorfano” Dott. Gianni Del Pero geologo, sonsulente ambientale e professore presso Università degli Studi di Milano-Bicocca.

Ore 16.45 Presentazione impianto di fitodepuratore di Capiago Intimiano, a cura di Claudio Longoni membro dell’associazione Il Gambero.

 ______________________________________________________________________________________________

 [3] Avrà luogo anche in caso di Maltempo che garantista condizioni di sicurezza personale e nel caso previste attività alternative.

 Obbligatoria la prenotazione.

Costo euro 5,00 a persona.

Prenotazioni obbligatoria via mail: associazione@gruppoontano.org, associazioneilgambero@gmail.com, aldo.r.gev@hotmail.it