contatti

SERATA HERPETHON VENERDI’ 20 OTTOBRE

Published by:

Sette gruppi, tra i quali anche la nostra associazione, hanno aderito alla manifestazione Herpethon, promossa dalla Società Herpetologica Italica, e hanno promosso iniziative pertinenti al tema dell’edizione 2017:

POZZE PER ANFIBI E RIFUGI PER RETTILI.

Le attività hanno interessato le aree naturalistiche dei comuni di Carugo (Fontana del Guerc), Montorfano (Prato Fontana), Alzate Brianza e Lurago d’Erba (PLIS Zoc del Peric), Inverigo (Foppe di Fornacetta, Parco Valle Lambro), Triuggio (Canonica, Parco Valle Lambro), Galbiate (Parco Monte Barro), Lomazzo (PLIS del Lura).
Ora, al termine di tali interventi, organizzano un incontro pubblico che si terrà venerdì 20 ottobre 2017 alle ore 20:45 presso la Sala Consiliare di Villa Manusardi, piazza Roma 18, Montorfano (CO).
Oltre a brevi esposizioni delle attività svolte, la serata sarà anche l’occasione per discutere in merito al contributo che le Organizzazioni possono fornire alla conoscenza e tutela del patrimonio faunistico e ambientale delle aree protette, e per confrontarsi con gli enti di gestione dei parchi al fine di promuovere future collaborazioni e iniziative legate alla tutela degli ambienti di riproduzione e sopravvivenza di anfibi e rettili. 

VI ASPETTIAMO NUMEROSI  a questa bella serata Herpethon 2017 

Qui sotto trovate la locandina:

volantino-herpethon-2017

contatti

ESCURSIONE GUIDATA DELLA VIA LONGA!

Published by:

 

escursione-via-longa-15-ottobre-2017

Alcune amministrazioni ed associazioni della Brianza propongono una nuova escursione guidata lungo l’Antica Via Longa fra i comuni di Lurago d’Erba, Inverigo, Lambrugo, Nibionno e Bulciago. Questa escursione è il proseguimento dei tratti di cammino già sperimentati nel recente passato lungo il Comasco. Scopo del progetto è stimolare la ricerca storica delle comunità locali e valorizzare il loro patrimonio di monumenti, luoghi naturali e tradizioni creando un ‘fil rouge’ che leghi i territori addossati al tracciato dell’Antica Via Longa, l’ipotizzabile strada maestra che collegava Como con Bergamo (attraversando il Lambro presso Gaggio di Nibionno e l’Adda a Brivio) per poi proseguire verso Aquileia.

Per molti secoli persone e merci sono passate attraverso il Lambro per il guado di Gaggio o presso quello della Ciresa a Lambrugo con destinazione Como o Brivio lungo una direttrice viaria in cui si sono addensati castelli e monasteri. Siamo nel cuore della Brianza dove i territori delle provincie di Como, Lecco e Monza e Brianza si incontrano in ambienti affascinanti e pochissimo frequentati da escursionisti. Boschi e paesaggi di inusuale bellezza, tinti da colori autunnali,  faranno da sfondo alle vicende storiche che le guide proporranno lungo il percorso.

L’iniziativa è rivolta a chi per lavoro o per passione è interessato alla storia del territorio ed alla cultura locale, senza dimenticare il fondamentale coinvolgimento della scuola e delle nuove generazioni. Gli organizzatori credono che questa escursione, oltre a quelle in programma o già effettuate, siano significative occasioni per promuovere il territorio e far emergere conoscenze, ora frammentarie e disperse.

Il Ritrovo è per domenica 15 ottobre 2017 ore 8:00 ad Inverigo presso la Tenuta di Pomelasca (via Alberto da Giussano). Le aree di parcheggio sono nelle vicinanze. L’escursione terminerà alle ore 12.50 circa presso il Santuario dei Morti del Lavello a Bulciaghetto nel Comune di Bulciago. Alcuni volenterosi, con auto parcheggiate nei pressi del luogo d’arrivo, riporteranno i partecipanti ad Inverigo. Il percorso si snoda per 12,5 Km circa con alcuni dislivelli e si consiglia di indossare calzature ed indumenti adeguati per un’escursione campestre autunnale. 

L’iscrizione alla passeggiata è gratuita e obbligatoria e può effettuarsi presso la Biblioteca di Lurago in via Roma 56, (per maggiori informazioni vedere sito ufficiale del Comune di Lurago d’Erba www.comune.luragoderba.co.it).  Il numero massimo di iscritti sarà limitato a 150 per motivi organizzativi.

Di seguito sono riportati luoghi dell’escursione con orari indicativo di passaggio:
Ore 8:00 ritrovo presso Tenuta Pomelasca d’Inverigo.

  • Visita alla Tenuta dei Conti Sormani di Missaglia. E’ possibile visitare la XXIII Festa dell’Ambiente ‘Te se regordet …’ in cui è presente una mostra documentaria sull’Antica Via Longa.
  • Nei pressi della Tenuta la fotografatissima chiesetta rossa sorge isolata in un paesaggio ancora bucolico.
  • Ad inizio escursione si passa attraverso il belvedere, coronato da pini silvestri, da cui si ammira la sottostante pianura milanese.

 

Ore 9:00 Lambrugo.

  • Visita della corte di Cascina San Pietro detta ‘Tarota’, di probabile origine altomedievale.
  • Dopo aver attraversato il borgo di Lambrugo si entra nel chiostro dell’antico monastero femminile benedettino.
  • Discesa verso il Lambro attraverso coltivi e boschi della piana alluvionale del fiume Lambro con risalita al colle morenico di Carpanea.

 

Ore 9:40 Passaggio sul Lambro.

  • Dopo aver attraversato la Statale Como-Bergamo si seguirà il corso del fiume, attraversandolo a Gaggio di Nibionno.
  • All’incrocio con la Bevera, negli anni passati furono ritrovati resti di palafitte e tombe romane.
  • Si incontrerà nel cammino il Molino Ciresa.

 

Ore 10:45 Tabiago di Nibionno.

  • Salita sulla collina terrazzata verso Tabiago, lungo le tracce di una antica carraia, con vedute di rara bellezza.
  • In alto al borgo di Tabiago si erge la torre, resto dell’imponente castello distrutto nelle guerre del XIII secolo.
  • Passaggio sulla piazza della chiesa parrocchiale da cui si ammira l’intera Brianza.
  • Salita all’antica cascina Mongodio e visita al gigantesco masso avello.

 

Ore 11:50 Bulciago.

  • Attraversamento dei campi e boschi di Campolasco, luogo frequentato fin dall’antichità.
  • Visita alla chiesetta di Ss Cosma e Damiano e all’attiguo Museo delle Tradizioni Contadine.
  • Visita del borgo di Bulciago e di quello che rimane dell’antico castello medievale centro di una Corte Regia. Con vista sulla villa dei Conti Taverna.

 

Ore 12:45 Santuario della Madonna del Carmine detta ai Morti dell’Avello a Bulciaghetto.

  • Visita alla chiesa di Santo Stefano di origine e architettura carolingia, sorto all’altezza di un antichissimo crocevia (‘ad Carubium Sancti Stefani’).
  • Seguendo un’antica via si arriva al Santuario della Madonna dei Morti dell’Avello, luogo di sentita devozione popolare.

Ore 12:50 conclusione dell’escursione.  

Grazie per l’attenzione.    

a nome degli organizzatori Luigi Perego 

cartina-antica-via-longa-2017I

CLICCATE SULLA FOTO PER VISUALIZZARE IL PERCORSO

contatti

CAMMINATA A PIEDI NUDI 2017

Published by:

camminata-a-piedi-nudi-2017

Domenica 01 ottobre i nostri piedi sono stati i protagonisti.

I piedi sono quella parte che sopporta il peso del nostro corpo e perciò hanno bisogno di tante cure e attenzioni.
Tutti i medici sono concordi nel dire che: andare a piedi nudi fa bene alla nostra salute, ma soprattutto fa bene al nostro spirito.

Appena nascono vengono subito coperti e protetti con calze, scarpe….e non hanno la possibilità di fare esperienze dirette e di entrare in contatto con la natura!

Quindi è fondamentale camminare a piedi nudi perché si recuperano sensazioni ed emozioni importantissime, che con il tempo sono state dimenticate.

Oggi i frequentatori della nostra Riserva hanno guardato con incredulità il nostro gruppo, che, incurante di una atmosfera autunnale, percorreva dapprima in modo goffo, ma poi via via più convinto e sicuro, i sentieri della Riserva.
Il primo tratto è stato un po’ difficile, ma poi l’andatura è diventata più sicura e veloce.

Va sottolineato che il percorso era stato pulito e preparato con particolare cura dai volontari del nostro gruppo: erano stati rimossi sassi, spuntoni e soprattutto ricci, per permette un contatto agevole di tutto il piede.

Così alla fine quelli che erano titubanti e dubbiosi hanno a malincuore rimesso le scarpe per tornare alla normalità.

Camminare a piedi nudi in Riserva ha assunto un significato particolare perché è stato possibile apprezzare maggiormente la bellezza del panorama che entrava a poco a poco dentro di noi e ci dava quella serenita’ e quella pace di cui abbiano tanto bisogno, immersi come siamo in una vita stressante e vorticosa.

Ma è stato importante anche perché ha confermato la bontà l’importanza dei nostri sforzi per mantenere pulita e integra la Riserva e preservarla dai tentativi di usarla solo per fini personali e sfruttarla dal punto di vista economico.
E allora dobbiamo dire grazie a coloro che sono intervenuti, ma soprattutto :

Grazie gruppo L’Ontano.

Appuntamento all’anno prossimo !!!

Per vedere e scaricare le foto cliccate qui sotto:
https://1drv.ms/f/s!AuEv-gK5B5QLiVYYWUFTa9mCU5tW

contatti

AVVISO: DOMANI 04 OTTOBRE

Published by:

Ricordiamo che domani 04 ottobre dalle ore 21 presso la nostra sede in via Al Dosso 1 Montorfano (vicino le scuole elementari) sono invitati i cittadini di Montorfano e chi è interessato avere notizie sulla riserva.

VI ASPETTIAMO!!!! 

contatti

DOMENICA 01 OTTOBRE: …..”a piedi nudi nella Riserva”……..

Published by:

Uomo e ambiente sono legati in modo indissolubile da milioni di anni. Come tutti gli esseri viventi, anche l’uomo deve la sua evoluzione alla capacità di adattarsi all’ambiente. I nostri piedi nascono scalzi, ed è loro proibito di fare quell’esperienza sensoriale a contatto con l’ambiente naturale, fondamentale per la nostra postura, motricità e in definitiva per la nostra salute.

733

Forse non tutti sanno che unitamente al sistema vestibolare e agli occhi, i nostri piedi sono l’organo di senso più importante per il controllo dell’equilibrio, della postura e del movimento. Per compiere questa fondamentale funzione, in milioni di anni i nostri piedi si sono evoluti a contatto con l’ambiente naturale. Hanno sviluppato particolari sensori capaci di discriminare la più lieve pressione, torsione, trazione, oltre a essere sensibili alla più leggera variazione di calore e alle asperità potenzialmente pericolose.

I piedi sono in grado di fare tutto questo con semplicità ed efficienza e senza l’aiuto degli occhi. Purtroppo queste qualità dei nostri piedi, non vengono più allenate semplicemente perché fin dai primi giorni di vita i piedi vengono coperti da calze e scarpe.

La ricca esperienza sensoriale fondamentale non solo per il loro corretto sviluppo, ma anche per la loro importante funzione, vanno persi. A ben poco serve camminare a piedi scalzi se lo facciamo tra le mura di casa e su superfici piane e lisce prive di contrasto.

(Prof. Alfio Caronti insegnante di Analisi del Movimento presso l’Università di Roma “Tor Vergata”)

 

Dottori e gli specialisti sono concordi nel dire:

Le scarpe indeboliscono la muscolatura dei piedi e  camminare a piedi nudi da questi benefici:

-   il nostro corpo acquista maggior equilibrio;

-   rende più corretta la muscolatura dei piedi;

-   recupera una maggiore stabilità;

-   migliora la circolazione delle gambe e ne riduce i gonfiori;

-   migliora la postura;

-   è un antistress naturale;

-   stimola la pianta dei piedi.

Per calare nella realtà di quanto sopra detto la nostra associazione organizza per

Domenica 01 Ottobre

una passeggiata “a piedi  nudi nella Riserva”

Nel nostro angolo di paradiso  sono invitati grandi  e  piccini, giovani e meno giovani, tutti insomma ad una insolita esperienza per far scoprire ai nostri piedi quel ricco e gradevole contatto sensoriale ormai smarrito.

Lo scopo è di presentare ai partecipanti un  “percorso” che potrà poi essere ripetuto in ogni tempo ed occasione, quando lo si vorrà ,per riassaporare  sensazioni ed emozioni molto particolari.

Da molti anni la nostra associazione fa un grande sforzo per proteggere e conservare un ambiente, quello intorno al lago, nel modo il più naturale ed incontaminato possibile, per salvare tutti quei valori di biodiversità in esso contenuti.

Ritrovo ore 9,30 presso il parcheggio del Cimitero, via Molino a Montorfano.

L’organizzazione declina ogni responsabilità e danni a persone e cose.

In caso di maltempo l’iniziativa non sarà effettuata.

Con il patrocinio di:

RISERVA NATURALE LAGO DI MONTORFANO

PARCO REGIONALE VALLLE DEL LAMBRO

COMUNE DI MONTORFANO

COMUNE DI CAPIAGO INTIMIANO

 

ECCO QUELLO CHE E’ SUCESSO L’ANNO SCORSO 08 MAGGIO 2016:

715

730

dsc_0450_2431

hanno partecipato giovani e meno giovani

dsc_0468_2414

grandi e piccini

719

dsc_0457_2425

Alla passeggiata parteciparono persone famose come Antonio Rossi (Assessore allo sport)

716

tutti insomma

744

hanno partecipato a questa passeggiata un po’ particolare….

 

contatti

CORRISPONDENZA CON IL PARCO VALLE LAMBRO

Published by:

Secondo quanto scritto nel nostro comunicato stampa del 27-07-2017 qui trovate la corrispondenza in ordine cronologico:

02-07-17: SEGNALAZIONE PARCHEGGIO

10_02-07-17-x-parcheggio_001img_20170702_112131

 

ATTENDIAMO RISPOSTA

———————————–

29-06-17: RELAZIONE CAMPAGNA SALVATAGGIO ANFIBI 2017

9_1_relazione-campagna-salvataggio-rospi_001

9_1_relazione-campagna-salvataggio-rospi_002

RISPOSTA PARCO

9_2_nota

—————–

25-06-17: ARTICOLO

8_25-06-17-x-riserva_001

ATTENDIAMO RISPOSTA

——————————

18-06-17: RICHIESTA ASSEMBLEA PUBBLICA

7_18-06-17-x-assemblea-pubblica_001

ATTENDIAMO RISPOSTA

——————————————–

15-05-17: CESTINO NEL LAGO

6_15-05-17-x-cestino_001

ATTENDIAMO RISPOSTA

—————————————

23-04-17: VIGILANZA IN RISERVA

5_23-04-17-x-riserva_001

 

RISPOSTA PARCO:

5_1_nota

 

———————————

18-03-17: BACHECHE

 

4_18-03-17-x-bacheche_001

RISPOSTA PARCO:

4_1_nota_001 4_1_nota

———————————-

11-09-16: SEGNALAZIONE PER INQUINAMENTO ACUSTICO E LUMINOSO

3_11-09-16-x-inquinamento-acustico_001

 

ATTENDIAMO RISPOSTA

——————————————

16-05-16: QUESITO

2_16-05-16-problemi_001 2_16-05-16-problemi_002

ATTENDIAMO RISPOSTA

Ricordiamo che in data 25-11-16 si è tenuta un’assemblea pubblica dove si è discusso di tale argomento, che però il problema non è stato ancora risolto.

——————————————–

18-04-16: RICHIESTA RELAZIONE LAVORI E DEGLI INTERVENTI SULLA RISERVA

1_18-04-16-lavori_001

 

ATTENDIAMO RISPOSTA